L’Argan delle meraviglie








Chi conosce, anche solo un po’, la pianta da cui si ricava l’olio di Argan, non può che restare affascinato da questo maestoso albero.


Nonostante la sua capacità di sopravvivere in condizioni ostili, l’Argania spinosa cresce soltanto in una zona specifica del sud del Marocco. Chiamata anche “albero della vita”, esiste da millenni, un esemplare può vivere anche due secoli e si sviluppa più in profondità (con radici lunghe anche 30 metri) che in altezza (non va oltre i dieci metri). Questa particolarità rende l’Argania spinosa una sorta di “talismano del paesaggio”, dal momento che l’azione delle sue radici contribuisce a frenare l’avanzata del deserto e a mantenere la fertilità del terreno. Non è un caso che questa pianta sia stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco e la sua area di crescita, di circa 800 mila ettari, sia diventata “Riserva della Biosfera”.


L’olio che si ricava dalla spremitura dei suoi semi è storicamente un elemento essenziale della cura della pelle e del corpo delle popolazioni berbere. Ma sono ormai diversi anni che la cosmesi di tutto il mondo ha imparato ad apprezzare l’olio di Argan e a inserirlo nelle formulazioni di diversi prodotti skincare.


L’Olio di Argan è composto in larga parte da acidi grassi insaturi, soprattutto acido oleico e linoleico e contiene anche vitamina E e altre sostanze, come i flavonoidi, ottimi amici della pelle. I benefici di questa sostanza totalmente naturale sono molti: ha un’azione antiossidante ed emolliente, nutre, idrata e rende la pelle più elastica. E, ciliegina sulla torta, al contrario di quanto si possa pensare, non solo non appesantisce la pelle, ma ne regola la produzione di sebo. Per tutte queste buonissime ragioni, l’olio di Argan - in versione fermentata e quindi potenziata - è uno degli ingredienti principali del Contorno Occhi Anti-Fatica Florena Fermented Skincare. Da provare.