5 Consigli Per Usare Il Tuo Frigorifero Al Top! (Bye Bye Spreco Alimentare)



Uno degli elettrodomestici che hanno cambiato la nostra vita è sicuramente lui: il frigorifero! Un grande alleato di tutti noi, utile per conservare correttamente gli alimenti che consumiamo tra le nostre mura domestiche. Molti però non sanno che disporre ogni prodotto nel giusto scompartimento o impostare una precisa temperatura può aiutare non a conservarlo meglio, ma può diminuire i nostri sprechi alimentari.


Ecco allora 5 consigli utili e furbi su come conservare i cibi, dove posizionarli e come regolare il termostato!


1.IMPARA A GESTIRE LE SCORTE: posiziona ordinatamente i prodotti dando precedenza a quelli con scadenza breve o acquistati meno recentemente, in modo da garantire un’adeguata rotazione secondo il principio FIFO (First In First Out, ossia “chi prima entra, prima esce”).


2.QUANTO FREDDO? In estate, il termostato dovrà essere spostato su una temperatura più fredda rispetto all’inverno. In ogni caso è consigliabile aprire il frigorifero solo quando è necessario e richiudetelo il più presto possibile. Le aperture continue possono compromettere la stabilità della temperatura interna.Non superare il carico massimo del frigorifero, riempirlo eccessivamente riduce infatti la capacità di mantenere le basse temperature dell’impianto stesso.


3.RIPONI OGNI COSA AL POSTO GIUSTO. Conserva in frigo tutti gli alimenti freschi e deperibili. Nel ripiano più basso, dove di solito si trovano i cassetti, vanno principalmente frutta e verdura. Il ripiano appena sopra è quello più freddo, e va utilizzato per riporre gli alimenti più deperibili. Nella zona centrale del frigo disponi gli alimenti che hai già cucinato insieme a sughi, verdure cotte e latticini vegetali. Nell’anta laterale infine posiziona prevalentemente cioccolato, salse, succhi e bottiglie.


4.TIENI A MENTE CHE ALCUNI ALIMENTI NON VANNO IN FRIGO: quasi tutta la frutta esotica non va in frigo, specialmente avocado, mango e banane (in questa condizione è più soggetta ad annerire). Stessa cosa avviene per le patate che, se conservate a basse temperature (sotto i 6°C), oltre ad annerire più in fretta convertono più velocemente l’amido in zucchero. Per gli agrumi e pomodori il discorso è diverso: questi possono stare a temperatura di frigo, tuttavia dopo 3 settimane potrebbero assumere un gusto leggermente amaro nel caso dei primi e insapore nel caso dei secondi.
Il Pane - e tutti i prodotti lievitati - raffermano più velocemente in frigo, questo perché lo scambio di acqua con l’aria fredda e secca dell'elettrodomestico risulta accelerato. Se a fine giornata hai avanzato del pane non dimenticare che un buon modo per conservarlo è quello di congelarlo: un veloce passaggio in forno, al momento dell’utilizzo, lo farà tornare ancora fresco.


5.CIBI CALDI E UOVA. Non porre in frigoriferocibi ancora caldi. Questo provocherebbe un rapido innalzamento della temperatura del frigorifero ma al contempo è da evitare che i cibi permangano eccessivamente a temperatura ambiente. L’ideale è riporli nel frigorifero entro due ore, cercando di raffreddarli il più possibile.



Team Florena Fermented Skincare
Giugno 2021